My-ID: BYOD e Self-Sovereign Identity

My-ID considera l’identità biometrica come un bene personale che non può essere distribuito e quindi deve rimanere di completa proprietà dell’utente

I servizi di identità decentralizzati sfruttano tecnologie come blockchain o altre tecnologie di registro decentralizzato (DLT) per decentralizzare un sistema di identità distribuendolo su un gran numero di nodi o partecipanti. Detect, un’alternativa alle architetture IAM legacy in silos, che stabilisce la fiducia e la resilienza dell’identità all’interno dell’intero sistema, con poca dipendenza da arbitri centralizzati o archivi di identità.

La piattaforma My-ID fornisce una soluzione ibrida, un’alternativa alle architetture IAM legacy a silos, stabilendo fiducia e resilienza dell’identità all’interno del sistema complessivo, con poca dipendenza da arbitri centralizzati o archivi di identità.

Infatti, le identità biometriche che creano non sono né centralizzate né depositate su alcun sistema di archiviazione su nodi o server; Le identità biometriche sono disponibili su smartphone o dispositivi cloud di proprietà dell’utente. Il formato dell’identità biometrica è proprietario .bio.

L’identità decentralizzata differisce dai tradizionali approcci IAM per il concetto di generazione e archiviazione di identità centralizzate, rispetto a quello decentralizzato. Gli approcci IAM tradizionali, l’archiviazione dei dati di identità e l’autorizzazione in fonti autorevoli centrali, possono essere problematici dal punto di vista della responsabilità, della sicurezza, della scalabilità, dell’affidabilità e della privacy.

My-ID considera l’identità biometrica come un bene personale che non può essere distribuito e quindi deve rimanere di completa proprietà dell’utente (come un portafoglio, una carta d’identità, ecc.).

Questo approccio alla trasparenza riduce al minimo i potenziali problemi di archiviazione centrale, scalabilità, privacy e sicurezza.

My-ID è una tecnologia BYOI Bring Your Own Identity (BYOI) e Self-Sovereign Identity (User Managed Identity).

My-ID è applicabile nelle seguenti aree

• Registrazione e verifica dell’identità.

• Garantire l’integrità dei dispositivi (comprese le cose nell’IoT).

• Abilitare la condivisione dei dati di identità preservando la privacy (“controllo del consenso”).

• Mitigare i problemi di fiducia e trasparenza utilizzando il modello distribuito / decentralizzato.

• Migliorare la capacità di gestire identità, attributi e relazioni su larga scala.

• Abilitazione a portare la propria identità e / con voi SovereignIdentity (identità gestita dall’utente)

Con My-ID, gli utenti ottengono un maggiore controllo sulla propria identità digitale e attributi correlati (ad esempio, informazioni personali come indirizzo, età e credenziali) ei fornitori di servizi saranno in grado di integrare e interagire con gli utenti con maggiore velocità, certezza e sicurezza. Ciò è in contrasto con molti servizi online odierni, in cui l’identità e l’accesso digitali sono isolati ei fornitori di servizi sono costretti a raccogliere informazioni sull’identità degli utenti. Ciò ha portato a violazioni dei dati e altri problemi di sicurezza e privacy. Nell’era del GDPR e dei consumatori attenti alla privacy, i fornitori di servizi attraverso My-ID possono rivalutare la loro posizione sui dati di identità che memorizzano ed evitare una serie di vincoli imposti dalla legislazione.

Sfruttare l’identità biometrica di My-ID ha il potenziale per consentire ai fornitori di servizi di aumentare la sicurezza e la comodità di accesso per gli utenti finali, il tutto per violazione dei dati e potenziali violazioni della conformità alla privacy.

CONDIVIDI

Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on facebook
Share on twitter
Share on email